Ciao tu come stai? Io a dire il vero sono un po’ provata. Come già ti avevo scritto qui in questo periodo sto vivendo un grande cambiamento:  infatti ho appena traslocato nella casa nuova.

Finalmente, dopo cinque mesi di lavori, la ristrutturazione del mio nuovo appartamento è finita e 10 giorni fa ho lasciato il mio piccolo, protetto amato appartamento di 60 mq con i miei splendidi vicini di casa e ho traslocato nel mio fiammante nuovo appartamento di 90 mq. Qui non conosco ancora bene i vicini, i rumori, gli odori, le temperature, tutto è da scoprire! Insomma so cosa lascio ma non so bene cosa trovo …

Il mio lavoro da P.O. finora mi ha aiutato tantissimo: l’incastro del fine lavori con tutti gli artigiani coinvolti, la consegna della ex casa all’inquilino e il trasloco vero e proprio sono andati veramente bene. Mi sono divertita molto a pianificare e tenere tutto sotto controllo.

Adesso il lavoro da fare è quello delle rifiniture perché, per  alcuni mobili e dettagli, ho rimandato le decisioni per avere più chiaro cosa e come mi serve. Il risultato è che ho tutto l’essenziale per vivere: cucina, camera da letto, bagno e sala ma mi manca lo studio (anche perché prima non ce l’avevo), alcuni mobili contenitori e particolari come gli attaccapanni, gli specchi, i quadri, gli accessori in cucina e in bagno e le luci (che ho già ordinato ma non sono ancora arrivate).  Finché mi mancano alcuni mobili non ho spazio per tutto, quindi ho ancora qualche scatolone in giro. Questo mi fa sentire un po’ accampata e voglio chiudere prima possibile tutti questi cerchi aperti sulle rifiniture, sui conti di chi ha lavorato nella casa, su tutte le piccole cose che non sono venute perfette e su quelle migliorabili.

Si dice che il trasloco sia la terza causa di stress dopo lutto e separazione, in effetti mi affatica un po’ ma so che è un periodo, è un cambiamento che ho scelto e che tutto è per stare meglio di prima.

Quali strategie da P.O. per vivere al meglio questo periodo così impegnativo? Ecco quelle che uso io per me:

  1. Mi scrivo tutto! Ho un quaderno che porto sempre con me, ogni cosa che vedo da sistemare, comprare, verificare con il fornitore o lavoro da terminare la appunto subito sul quaderno. In ogni pagina c’è una lista, chi deve fare cosa partendo da  me nella prima pagina  e mano a mano che le attività sono fatte le cancello. Questo mi dà grande soddisfazione e non dimentico nulla.
  2. Mi do le priorità e programmo le attività! Man mano che spunto le attività dalla lista rivedo le priorità e decido di cosa occuparmi secondo il tempo che ho a disposizione e l’urgenza che sento. Cerco comunque di portare avanti anche tutti gli altri miei impegni professionali e personali.
  3. Mi do obiettivi sostenibili! Non posso pensare di fare tutto subito, meglio occuparsi delle cose con piacere senza stancarsi troppo e darsi scadenze ragionevoli.
  4. Mi rassegno alle imperfezioni! Quando tutto è nuovo e devi pagare gli artigiani e i mobili vorresti fosse tutto perfetto e noti qualsiasi piccola macchia, rigatura, sbavatura perché ci fai particolarmente attenzione. Il buon senso aiuta, chi ha lavorato deve averlo fatto a regola d’arte ma è inutile accanirsi, meglio concentrarsi sulla visione generale delle cose.
  5. Chiedo aiuto! Al mio fidanzato, a mio fratello e ai professionisti perché così risolvo più velocemente, fatico meno e mi diverto di più 😉

Se anche tu stai vivendo o dovrai vivere un importante passo come il trasloco e sei in pensiero per le mille cose da fare, fatti aiutare: contattami e vedremo insieme come renderti tutto più leggero.